Andrea Ansevini: cuore e passione

Ospito oggi nell'angolo dedicato alle interviste e alle curiosità sul mondo della scrittura un personaggio la cui “iperattività” nello specifico settore culturale, mostra caratteristiche inconfutabili, e riconducibili senza dubbio a doti quali creatività e fantasia illimitati. Sto parlando di Andrea Ansevini, scrittore più volte già premiato sia a livello regionale che nazionale.  Leggendo la sua biografia,  prendo nota di ben 1400 poesie prodotte, più di 150 racconti stesi, cinque libri pubblicati e altrettanti in cantiere in attesa di prossima ultimazione e pubblicazione. In altri undici libri di varia natura inoltre, ha offerto la propria collaborazione su vari livelli. 
Insomma la prolificità è una risorsa fondamentale nella sua attività di scrittore, e lo dimostra la considerevole quantità di produzioni che in pochi anni di attività ha messo a disposizione dei propri lettori.


I riconoscimenti 


I premi letterari sono molti e l’ultimo, in ordine di tempo, è stata la menzione speciale come scrittore emergente nel panorama nazionale con il romanzo “Oltre la porta”, alla serata “Gli Oscar delle Stelle” con vari ospiti nazionali di rilievo.

Questo romanzo pubblicato nel 2017, è stato più volte  presentato a livello locale nella sua regione, le Marche, ma anche in molte altre città italiane. Pensate, in poco più di tre anni, tra librerie, biblioteche, radio e tv, ma anche in privato e online, ha raggiunto un tetto record di ben 150 presentazioni, numero che, sommato a quelli relativi alle presentazioni di ulteriori sue opere, ha raggiunto quota 327 dal 2010 ad oggi. Cifre queste che parlano chiaro. Sempre a proposito di incontri con i lettori, nel 2019,  in collaborazione con Alessandra Piccinini, ha progettato un programma,  ideato e organizzato da entrambi, denominato “Tour Letterario” in cui hanno sono state messe a punto e realizzate una moltitudine di presentazioni letterarie che hanno toccato varie città d’Italia quali  Roma, Milano e Firenze, solo per citarne alcune. 

Ma quali sono i libri già pubblicati?


Il suo esordio come autore risale 2010, quando pubblica  il suo primo libro: una silloge poetica intitolata “Poesia nel diario - 50 pensieri nel tempo” edita da Marcelli Editore. Nel 2015, il suo primo romanzo “La porta misteriosa” da gli stesso prodotto, cui fa seguito il già citato e premiato “Oltre la porta” nel 2017, edito da “Le Mezzelane Edizioni”Edito da quest'ultimo è anche “Delitto in Casa”, pubblicato nel 2019 a quattro mani con Alessandra Piccinini. Nel 2020 ritorna nuovamente al self con “Vietato dormire (20 racconti per restare svegli)”, una raccolta di venti racconti appunto, scritti negli anni precedenti.

Una moltitudine di attività diversificate 

Componente di giuria in varie associazioni culturali, appassionato di fotografia con partecipazione a varie esposizioni fotografiche, ma soprattutto, esperto intenditore di musica Rap, genere nel quale, assieme alla moglie Adele, compone testi di denuncia sui “malesseri” della società contemporanea. Testi che, opportunamente musicati, sono stati diffusi attraverso radio e mezzi di comunicazione quali RTL 102.5, R.101 e Radio M02 tra le altre.

Numerose sono state anche le serate artistiche da egli stesso ideate e organizzate  con lo scopo di raccogliere fondi per le  popolazioni del centro Italia  colpite dal sisma e non solo. 

Mi piace infine ricordare che unitamente a Sara Marino, dopo alcune presentazioni congiunte, istituisce e manda in onda dal 30 luglio 2020,  il “salotto culturale di Andrea e Sara ”, un ambiente virtuale in cui ogni venerdì, vengono intervistati e fatti conoscere autori ed autrici emergenti con le loro novità letterarie.

Ma scopriamo qualcosa in più sul suo conto:

Andrea, dalla tua biografia e da ciò che produci, si evince senza alcun dubbio l’esistenza di una proficua attività tutta dedicata non solo alla scrittura, ma anche alla musica, alla fotografia e soprattutto all'organizzazione di  eventi culturali in generale, spesso con fini dedicati e sicuramente nobili.  In particolare, dai forte risalto al ruolo che  ogni opera, sia letteraria che figurativa, si assume con lo scopo di poter dare voce, in termini di innalzamento del livello di attenzione a contenuti sociali (vedi l’impegno musicale e la raccolta fondi) forse poco considerati e magari anche un po’ dimenticati dalla sensibilità comune. Come spieghi questo connubio tra forma artistica e utilità sociale da te scelto in qualche circostanza? E quanto pensi possa essere utile  mettere a disposizione le proprie capacità individuali sul tavolo dei temi  che sono più a cuore alla nostra comunità quali il dissesto sociale, l’emarginazione ecc.??

Facile! Mi piace tutta l’arte di per sé a prescindere che sia la scrittura, la musica e la fotografia. Mescolandole assieme tra loro, essendo le mie tre passioni più grandi, si genera questa alchimia di elementi che è il mio stile. Avendo anche un passato come animatore in cui stavo in mezzo al pubblico, ho sempre amato sentire il loro calore e affetto. Da li ho iniziato le mie prime esperienze e man mano sono arrivate le altre (la musica e la fotografia). Essendo poi le tre arti, elementi che portano gente comune e benestante o altolocata mi sono detto: “questa gente ha tutto e non gli manca nulla, allora perché non aiutare anche chi ha bisogno e non ha nulla?” Tutto è partito nel 2010 quando ho ideato e condotto una serata benefica per i bambini del Darfur. Avevo sentito del loro disagio in un documentario e così ho voluto fare qualcosa per loro. Durante quella serata ho fatto un concerto benefico per loro recitando mie poesie o rappando brani rap.

A seguito del terremoto 2016 invece ho ideato e organizzato con una mia amica bibliotecaria un reading poetico per le popolazioni colpite dal sisma.

Mi piace molto aiutare chi ha bisogno, ha sempre fatto parte di me e sempre lo farà.

E lo stile?


Spesso nascono questioni, tornando all’arte,  circa l’eventuale unione immagine-scrittura. Siamo ormai certi che in molti casi l’immagine stimola in un certo senso la creazione di versi poetici, di frasi e/o di riflessioni; e più questa risulta essere affascinante per i suoi toni estremamente cupi,  o felicemente gioviali, più la composizione poetica o qualsiasi altra forma espressiva,  assume caratteri fortemente aderenti al suo contenuto. Essendo tu, come detto, anche un appassionato di fotografia, credi che questa teoria trovi conferme anche nella produzione artistica che ti appartiene (romanzi, racconti ecc.)?

Sì! Adoro molto nel tempo libero che ho andare a passeggiare con mia moglie Adele in mezzo alla natura. La calma e la tranquillità mi rigenera e mi da ispirazione per scrivere una poesia o un racconto, oppure anche idea per comporre una musica che rispecchia il mio stato d’animo di quel momento.

Nei miei romanzi o racconti c’è sempre qualcosa di me, dei piccoli frammenti autobiografici che mi riguardano, così in questo modo mi sento parte integrante di ciò che ho attorno e la natura stessa mi avvolge in tutto generando e scatenando emozioni di idee e spunti ogni volta per qualcosa di nuovo.

Il "salotto culturale"

Ho sperimentato personalmente il tuo “salotto culturale” (condotto unitamente alla brava Sara Marino), a cui ho personalmente partecipato come vostro ospite. Nella circostanza, ho potuto constatare quale fosse l’obiettivo primario della sua creazione: quello cioè, di far conoscere, nell'ormai immenso panorama editoriale italiano, quegli autori  sconosciuti - o meno noti -  le cui opere sono spesso vere e proprie creazioni di elevato spessore.  Inoltre, in questo progetto, risulta lampante la semplicità insita nella realizzazione: sia per quanto concerne la descrizione dell'opera,  sia nella conversazione con l’autore stesso. Tale procedura, a mio avviso apprezzata,  permette  di raggiungere ogni lettore attraverso un’enunciazione naturale e genuina dei fatti, senza alcun particolare artificio. Come nasce l’idea di questo progetto che tanto successo ha ottenuto in questi tre mesi?


Sara, come dico e chiamo in simpatia a lei, è la mia socia con la quale si è creato un bellissimo feeling letterario per via delle numerose idee che ci accomunano e che pensiamo allo stesso modo. Lei inoltre è anche un’ottima amica e compagna di viaggio in questo mondo letterario. Ho letto i suoi libri e sono rimasto molto colpito dalle sue storie descritte elegantemente e in molti passaggi mi sono ritrovato anche io parte integrante.

Ci siamo conosciuti a Milano quasi un anno fa in una giornata dedicata a delle presentazioni e da subito, sentirla presentare i suoi libri in modo brillante e simpatico mi sono detto “con lei devo organizzare qualcosa”. Eravamo già amici da qualche tempo in facebook; così una sera di marzo durante il periodo del lock-down, vedendo che in molti facevano presentazioni online dei propri libri, per pura casualità ci siamo scritti a vicenda di ideare e presentare qualcosa assieme e per gli altri. Così dopo esserci accordati su come organizzare il tutto, alla fine di comune accordo abbiamo deciso di chiamarlo “salotto culturale” per trovarci a nostro agio come se fossimo in un salotto vero e proprio e oltre alla nostra presentazione di apertura, ci siamo detti di comune accordo di intervistare anche altri e la gente ha risposto in modo più che positivo e all’inizio di tutto nonostante eravamo molto scettici prima della nostra presentazione online su come sarebbe andata, invece la gente ci ha seguito molto numerosa e si è prenotata.

Grazie al salotto, a cui dobbiamo tanto entrambi, ci ha fatto scoprire, a parte chi già conoscevamo, anche nuova gente e nuovi libri a noi sconosciuti, tutti molti interessanti. Anche per noi è stato un piacere averti avuto e ti ringrazio a nome mio e suo, soprattutto grazie a questa intervista che ci hai fatto.

Avrei molte altre domande da rivolgere ad un autore eclettico e impegnato su più fronti come lo è Andrea, ma qualcosa la lasciamo scoprire anche a coloro che vorranno acquistare i suoi libri e soprattutto curiosare nel suo mondo dalle mille risorse. 

Di seguito, i link di approfondimento delle opere e utili per l'acquisto:

"POESIA NEL DIARIO":

https://www.amazon.it/Poesia-nel-Diario-Cinquanta-pensieri-ebook/dp/B00NX11XJK

"LA PORTA MISTERIOSA":

https://www.amazon.it/porta-misteriosa-Andrea-Ansevini-ebook/dp/B079Z95G38/ref=sr_1_5?__mk_it_IT=%C3%85M%C3%85%C5%BD%C3%95%C3%91&dchild=1&keywords=andrea+Ansevini&qid=1598348693&sr=8-5

"OLTRE LA PORTA" (CARTACEO):

http://negozio.lemezzelane.eu/prodotto/oltre-la-porta-carta

"OLTRE LA PORTA" (EBOOK):

 http://negozio.lemezzelane.eu/prodotto/oltre-la-porta-ebook

"DELITTO IN CASA"  (CARTACEO):

  http://negozio.lemezzelane.eu/prodotto/delitto-in-casa-le-mezzelane-carta

"DELITTO IN CASA" (EBOOK):

http://negozio.lemezzelane.eu/prodotto/delitto-in-casa-le-mezzelane-ebook

"VIETATO DORMIRE" (EBOOK):

https://www.amazon.it/dp/B08CBGZNP1/ref=sr_1_2?__mk_it_IT=%C3%85M%C3%85%C5%BD%C3%95%C3%91&dchild=1&keywords=andrea+ansevini&qid=1593847548&sr=8-2

 


Nessun commento:

Posta un commento

Pagine